Podere Brizio

 Stando a numerosi ritrovamenti...

Stando a numerosi ritrovamenti archeologici, la vocazione vitivinicola della zona era già importante in epoca etrusca. Se nel Medioevo e in epoca moderna non mancarono mai testimonianze legate alla produzione di vino di qualità, è solo con l’Ottocento che si dette inizio alla produzione di un rosso da uve autoctone chiamate “Brunello” o “Brunellino”, poi riconosciute come una delle varianti del Sangiovese. Alla seconda metà dello stesso secolo risalgono i primi tentativi di vinificare in purezza questo nobile vitigno, capace di produrre vini di altissimo pregio da lungo invecchiamento.

Pur essendo un’azienda giovane, Podere Brizio posa quindi le sue radici su un territorio ricco di storia, evocata anche sulle nostre etichette, raffiguranti la Parpagliola da 10 quattrini. Coniata nel 1556, negli anni terminali delle Guerre d’Italia franco-spagnole, questa moneta fu simbolo della repubblica di Siena nell’anno in cui circa 600 famiglie di nobili senesi si rifugiarono nella fortezza di Montalcino con lo scopo di mantenere viva la Repubblica Senese. La moneta è in argento e simboleggia la resistenza, la tenacia, la forza di un luogo la cui storia è un vero e proprio romanzo.

L’incantevole collina su cui poggia Podere Brizio è circondata da oliveti e vigneti, guardando a sud-ovest, in direzione del mare. Ed è proprio il mare quello che si può vedere dalle finestre del nostro podere nei giorni più nitidi, laggiù, oltre l’oliveta, in fondo alla vigna, dietro un boschetto di lecci e querce. Querce che si ergono anche nel grande giardino che circonda la foresteria, alte, fiere, un po’ mosse dallo scorrere del tempo coi loro rami storti e il tronco nodoso.

Indirizzo: Podere Brizio, 67 Montalcino (SI) 53024

Pagina 1 di 1
Articolo 1 - 3 di 3