Stephane Regnault

  Nel 2018, Stéphane Regnault...

Nel 2018, Stéphane Regnault ha Prodotto la sua prima cuvée da un solo vitigno del terroir di prima classe della sua famiglia a Oger e Le Mesnil. Queste bottiglie di champagne sono il risultato di oltre un decennio di riflessione, esperienza e sperimentazione. Dopo aver lavorato per un breve periodo come sommelier a Londra e come ingegnere aerospaziale a Parigi, Stéphane è tornato alla Côte des Blancs nel 2007 per rilevare l'azienda vinicola di famiglia. Ispirato e influenzato dalle discussioni che ha avuto con altri giovani produttori, Stéphane ha deciso di smettere di usare erbicidi nei vigneti e di passare gradualmente all'agricoltura biologica.

La tenuta comprende quattro ettari di Chardonnay, equamente divisi tra i leggendari terroir di gesso dei villaggi Grand Cru di Oger e Le Mesnil. La maggior parte delle viti ha un'età compresa tra i 40 e i 60 anni. Stéphane ha selezionato tre lotti per le sue cuvée: Chemin de Flavigny a Oger, Moulin al confine tra Oger e Le Mesnil e Hautes-Mottes a Le Mesnil

Questi vini monovitigno e pluriennali armonizzano l'espressione individuale del vigneto nella tradizione delle annate pluriennali di Champenois. Ogni appezzamento viene fermentato e vinificato in modo simile - in 1/3 serbatoi di acciaio inox 2/3 e in botti usate. La fermentazione malolattica non viene né bloccata né promossa - Stéphane lascia che il vino faccia il suo corso ogni anno assaggiando regolarmente per determinare il momento giusto quando le botti e i serbatoi si fondono per formare una delle tre solera eterne, che vengono conservate separatamente per ciascuna delle tre cuvée.

Oltre alla produzione di vino, Stéphane è anche un appassionato sassofonista jazz e ha chiamato le sue tre cuvée con il nome di una diversa modalità jazz che ogni vino gli ricorda.

Pagina 1 di 1
Articolo 1 - 6 di 6