Clos du Mont Olivet

 Un atto notarile del 1547 si...

Un atto notarile del 1547 si riferisce alla vendita di un appezzamento di vigneto con il nome "ad montem oliveti". È quindi probabile che la storia della tenuta Clos du Mont-Olivet abbia più di cinquecento anni, anche se la famiglia Sabon ha stabilito un legame con i vigneti della zona solo all'inizio del 1900. Séraphin Sabon, cittadino del villaggio di Serignan du Comtat, sposò Marie Jausset, figlia di un proprietario terriero di Châteauneuf-du-Pape; nel 1932, Séraphin e Marie fondarono la cantina e da allora la tenuta si è tramandata di mano in mano, di generazione in generazione.

Alla guida del Clos du Mont-Olivet oggi ci sono Celine, David e Thierry, che si occupano della gestione quotidiana della cantina e producono vini preziosi.. I vigneti si estendono su 21 ettari nella DOC Châteauneuf-du-Pape, 14 ettari nella DOC Lirac, 10 ettari nella DOC Cotes du Rhone e altri 3 ettari nella DOC Vin de Pays du Gard. Le varie parcelle sono molto frammentate e l'ubicazione, i microclimi e i terroir sono molto diversi, permettendo ad ogni varietà di adattarsi al terreno più adatto. Tra le varietà a bacca rossa, la Grenache è al primo posto, seguita da Syrah, Mourvèdre, Cinsault, Counoise, Vaccarèse, Muscardin, Picpoul Noir e Terret Noir. Per quanto riguarda le uve bianche, non esiste un vitigno predominante e troviamo Clairette blanche, Bourboulenc, Rouzanne, Grenache blanc, Picpoul blanc e Picardan.

In vigna osserviamo le piante e il clima, con l'obiettivo di produrre vini dal classico carattere mediterraneo, senza mai perdere l'eleganza.
Vengono prodotte diverse etichette, che rispecchiano diverse denominazioni, ognuna con una propria identità e autenticità: Tra le diverse bottiglie, Châteauneuf-du-Pape interpreta il ruolo dei protagonisti che sono in grado di esprimersi al meglio 10 anni dopo l'imbottigliamento.

Indirizzo: 3 Chemin du Bois de la ville, 84230 Châteauneuf-du-Pape, Francia

Pagina 1 di 1
Articolo 1 - 4 di 4